L’orsa Jj4, che lo scorso 6 aprile ha aggredito e ucciso il 26enne Andrea Papi mentre correva nei boschi sopra Caldes, in Trentino, non deve essere abbattuta ma trasferita.  Il Tar di Trento, per la seconda volta in due settimane, ha accolto i ricorsi presentati dalle associazioni animaliste, questa volta sospendendo il secondo decreto di abbattimento approvato lo scorso 28 aprile dal presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti.

Nel provvedimento del presidente del Tar Fulvio Rocco si legge infatti che la soppressione “non può ragionevolmente e legittimamente conseguire da una carenza strutturale del Casteller confessoriamente addebitabile alla stessa Provincia”, e che il trasferimento dell’animale secondo “parere reso dall’Ispra in data 20 aprile 2023 per il caso di specie risulta in sé ammissibile e, dunque, posta su di un piano di perfetta concorrenza con quella dell’abbattimento (…)”.

La soluzione del trasferimento di Jj4 – che la Provincia di Trento nel decreto indica come al momento impraticabile perché le disponibilità “rappresentano, ad oggi, generiche e sommarie dichiarazioni di presa in carico dell’esemplare pericoloso di cui si discute” – è invece praticabile per il Tar.

Sempre delineando il trasferimento, Il Tar sottolinea inoltre come nel decreto di Fugatti del 28 aprile non c’è evidenza “di accertamenti istruttori compiuti al riguardo”. Il Tar ritiene anche che ampi passaggi del decreto della Provincia “risultano paradossalmente confessori circa l’omesso apprestamento da parte dell’Amministrazione provinciale – ma, parrebbe, anche da parte dello Stato comunque coinvolto finanziariamente nell’iniziativa – di opere di ampliamento della struttura”, del Casteller.

Secondo il tribunale un “inadempimento, questo, deprecabilmente protrattosi a tutt’oggi pur nel notorio contesto del consistente (e del tutto incontrollato) incremento della presenza degli esemplari di orso nel territorio provinciale”. Festeggiano le associazioni animaliste, tra le altre Enpa, Leidaa, Oipa e Lav: “Fugatti e la sua politica basata sulla legge del taglione e sulla vendetta personale, registra un’altra sconfitta su tutta la linea, ora prenda atto dell’insussistenza delle sue argomentazioni e provveda a trasferire JJ4 anche prima del 25 maggio – data della prossima riunione collegiale del Tar – in un luogo sicuro tra i tanti rifugi disponibili e sicuri”, dice la Lav.   (ANSA)

Views: 63

Avatar photo

Di admin