Cosi in Umbria: La squadra dei Vigili del fuoco del distaccamento di Orvieto è intervenuta nella frazione di Sugano, in località Fosso di Ponte Sasso, per il soccorso ad un uomo coinvolto in un incidente di caccia. L’uomo, un 42enne residente a Bolsena, mentre stava partecipando a una battuta di caccia al cinghiale è stato raggiunto da un colpo di fucile ed è stato soccorso in gravi condizioni. I soccorsi, subito allertati dai compagni di battuta si sono recati immediatamente sul posto e oltre ai Vigili del fuoco anche il personale sanitario del 118, il personale del Sasu e l’elicottero Icaro per il trasporto dell’infortunato presso l’ospedale di Perugia. Sul posto anche i Carabinieri della Stazione e dei Forestali per le indagini di rito e la ricostruzione della dinamica dell’incidente.

Cosi in Toscana: Un uomo è morto a causa di un incidente di caccia verificatosi nel primo pomeriggio al confine nel Fiorentino. I sanitari sono intervenuti intorno alle 14:30 in località San Lorenzo, nel comune di Gambassi Terme. Sul posto anche i vigili del fuoco e i carabinieri. La vittima è un 65enne residente in zona, che stava partecipando a una battuta di caccia al cinghiale. Da una prima ricostruzione dei carabinieri l’uomo sarebbe stato raggiunto da un colpo, sparato da un compagno della squadra di caccia, che è rimbalzato ferendo poi mortalmente il 65enne. I primi a soccorrere l’uomo sono stati gli altri cacciatori, poi l’arrivo dei sanitari ma tutto si è rivelato inutile.
E sempre in Toscana: ALtro incidente di caccia in una zona impervia di montagna: il pallettone da cinghiale ha raggiunto a una gamba un uomo di 64 anni, sfiorando soltanto l’addome e gli organi vitali. Lo hanno portato comunque in elicottero all’ospedale fiorentino di Careggi ma non è in pericolo di vita, solo le prossime ore potranno dire quanto sia grave la ferita al ginocchio.

Ancora in Toscana: È successo domenica mattina, 22 ottobre, durante una battuta al cinghiale, in località Casamona, comune di Loro Ciuffenna, versante valdarnese del Pratomagno. Il cacciatore, 64 anni, era piazzato nella sua postazione quando sulla sua direttrice è arrivato l’animale selvatico, inseguito dai cani. Un compagno di squadra ha mirato ed ha sparato, mancando però il bersaglio. Il pallettone è rimbalzato su una pietra ed ha raggiunto l’altra doppietta alla gamba. Un urlo di dolore e tra i colleghi di caccia è stato il caos, accompagnato dalla paura, perchè lì per lì nessuno aveva capito in che condizioni fosse il ferito. Coi cellulari è partito subito la chiamata al 118, che ha inviato sul posto un’ambulanza con una squadra di soccorso e recupero. Allertati anche i vigili del fuoco, perchè la zona era così isolata e priva di strade da rendere particolarmente complessa l’operazione di salvataggio.

Non vogliamo commentare questi tre episodi che si commentano da se…. un morto e due feriti, quelli conosciuti in una sola giornata….

Views: 24

Avatar photo

Di admin